Da Genertel nasce l’insurtech nativa digitale che parla la lingua del sociale

Con la nuova Genertel si rafforza la natura sociale dell’assicuratore. Nasce infatti BeeGood, il programma di social give back della community dei clienti su cause sociali più vicine ai propri valori per supportare la comunità con progetti solidali.

Genertel ha deciso di sostenere i progetti di onlus attive in tutto il territorio in ambito sociale, ambientale e sanitario. Dal 2022, l’impegno si focalizzerà, in particolare, su 4 cause sociali e ambientali: alimentazione sana per bambini e famiglie fragili con Ora di Futuro insieme alle onlus Mission Bambini, Csb, L’albero della vita; più alberi e parchi, per aria pulita in tutta Italia con Arbolia; più sorrisi e abbracci, per bimbi malati con Vidas; più cure e ricerca, per malattie neuromuscolari con Telethon.

 “L’innovazione fa parte del dna di Genertel – spiega Maurizio Pescarini, CEO e General Manager di Genertel e Genertel Life – e confermiamo questa nostra attitudine lanciando la nuova strategia che porterà Genertel ad essere la prima grande insurtech italiana. Ancora una volta puntiamo ad evolvere l’assicurazione in Italia rendendola più semplice, conveniente e personalizzata: con la nuova Genertel assicurarsi diventa un gesto spontaneo. Tutto ciò è stato reso possibile grazie a persone, competenze, una nuova organizzazione agile e l’introduzione delle più sofisticate tecnologie. Oggi nasce anche BeeGood, la community dei nostri clienti per sostenere la collettività scegliendo le progetti e cause sociali. Con la nuova Genertel offriamo al cliente tutto il buono dell’assicurazione”.

Maurizio Pescarini ( CEO e General Manager di Genertel e Genertel Life )

Prima ad introdurre l’assicurazione diretta in Italia, oggi Genertel accelera per una crescita di valore e punta ad essere la prima grande Insurtech del Paese rivoluzionando il canale online per un’esperienza cliente straordinaria.

Al via la nuova Genertel, 100% nativa digitale, ideata e realizzata in modalità smart e agile working in meno di 18 mesi, che consente di sottoscrivere la polizza in meno di 1 minuto, sospendere/riattivare ed integrare la copertura, anche dopo l’acquisto, con un semplice clic in 1 secondo 24/7, e di ottenere con una semplice foto un rimborso danni automatico in meno di 3 minuti.   

Il nuovo modello di business per portare l’esperienza dei clienti agli standard delle imprese di servizi digitali, fa leva sull’utilizzo esteso di 5 tecnologie: dati&cloud (per il miglioramento del pricing e l’engagement), realtà aumentata (che ricostruisce le specifiche parti di un’auto e la tipologia di danno), biometrico (per effettuare la segnalazione del sinistro via video), intelligenza artificiale (per la stima automatica dell’importo di un sinistro con video/foto), interfacce conversazionali (con l’utilizzo di chatbot).

L’ambizione della nuova strategia è quella di offrire, entro i prossimi tre anni, la miglior customer experience su 4 ecosistemi di bisogno: mobilità, casa, benessere e pet.

A dicembre del 2021 sarà già disponibile l’offerta in ambito mobilità.

Un nuovo approccio alla mobilità. Oltre ad essere completamente digitale, l’approccio alla mobilità sarà semplice, sicuro, conveniente e personalizzato sulle esigenze del cliente. L’uso della telematica e dei servizi digitali, infatti, permetterà di ottenere un pricing migliore basato sull’uso effettivo del veicolo; il cliente potrà migliorare lo stile di guida grazie alla trasparenza del sistema a punti basato sul livello di rischio corso sulla strada; e l’attenzione alla sicurezza sarà sempre presente grazie all’attivazione automatica dell’assistenza in caso di incidente. La protezione del cliente sarà, inoltre, garantita sulle diverse soluzioni di mobilità utilizzate (auto privata, car sharing, bici, bike sharing, trasporto pubblico), integrando i diversi attori della catena del valore (officine, piattaforme Mobility As A Service, concessionari).

“In cinque anni abbiamo cambiato il modo di fare assicurazione- afferma Marco Sesana, Country Manager & Ceo Generali Italia e Global Business Lines – trasformando la cultura aziendale, accelerando sulla tecnologia e introducendo nuove competenze. Quando abbiamo intrapreso la strategia “Partner di Vita – 2021” ci siamo posti l’obiettivo di rivoluzionare e migliorare l’esperienza dei nostri clienti, investendo €300 milioni in innovazione, competenze e persone. Oggi abbiamo una Rete con il 100% di agenzie digitali, una nuova generazione di offerta con più prevenzione, servizi e tecnologia con oltre il 70% di polizze digitali. Una trasformazione di successo confermata anche dall’aumento dell’indice di soddisfazione dei nostri clienti e della crescita della quota di mercato. Oggi acceleriamo ulteriormente rivoluzionando il canale diretto in Italia per portare l’esperienza dei clienti agli standard delle imprese dei servizi digitali”.

Vedi anche...

Fabrica Floridi Ep. 5

Ultimi Articoli

Trending Video

22:50

Fabrica Jedi Ep. 3 – Il lato oscuro della forza

Il lato oscuro della forza come insieme di sotto argomenti che compongono lo scenario della cybersecurity. Gli Jedi del Master di Comunicazione Digitale Università di Parma intervistano Marco RAMILLI, founder e Ceo di Yoroi.
00:00:51

Eroi, la comunità digitale dell’Emilia-Romagna

EROI è la piattaforma di Open Innovation della Regione Emilia-Romagna, una comunità digitale aperta a tutte le persone che vogliono innovare collaborando.
00:31:18

Green Carpet – IllimiTher

Variazione sul tema Illimity: IllimiTher. Ne parliamo con Isabella Falautano Direttrice Comunicazione e Sostenibilità di Illimity; Gini Dupasquier, Managing Director Ortygia Business School; Roberta Pellegrino, Co-founder di Ludwig
00:03:18

Banksy Story – Da Bristol al panorama internazionale

Banksy è forse il più misterioso e sovversivo fra gli artisti contemporanei: anonimo ma famoso, è un nome familiare a tutti, molto noto negli ambienti della controcultura, tuttavia nessuno conosce il suo volto. In questo primo episodio ci soffermeremo su alcuni eventi salienti della sua vita, partendo dagli esordi a Barton Hill negli anni ’80 fino al grande successo internazionale dei giorni odierni.