Pearson Social Reading, il social network per leggere insieme nelle scuole

leggere

Nel 2020, stando ai dati riportati dal Il Sole 24 ore, sono stati 3,8 miliardi gli utenti ad accedere ai social media, equivalenti al 50 % della popolazione globale. Un dato che ben si lega al progetto di Pearson Italia, leader nel settore education.

La casa editrice, in collaborazione con la start-up Betwyll, lancia Pearson Social Reading”, il social network della lettura per le scuole. Studenti e docenti attraverso l’App potranno creare i propri profili e leggere insieme, con un dialogo aperto di massimo 140 caratteri. Un incontro di idee e riflessioni sulla cultura umanista e scientifica, giovani menti che da nord a sud potranno usare il loro smartphone per commentare i grandi autori del tempo.

Questi, attraverso dei veri e propri profili social, interverranno nella chat identificandosi come “personaggi misteriosi”. Cosa potrà rispondere Dante ad un curioso commento di un liceale? Proprio al padre della lingua italiana è stato dedicato, in occasione dei suoi 700 anni e l’inizio del suo viaggio dell’Aldilà, uno specifico spazio di lettura dove Paolo e Francesca tornano in vita per interagire in modo social. Il “sommo poeta” non è l’unico protagonista; da considerare sono i 3.000 partecipanti al progetto “Generazione 2030”, su cittadinanza e sostenibilità e quasi 2.500 per “Will&Youth”, percorso su lingua e letteratura inglese.

Consideriamo la lettura un valore in sé, uno strumento indispensabile per la crescita e la formazione delle ragazze e dei ragazzi. Ci siamo molto interrogati sul modo migliore per avvicinare gli studenti al testo scritto usando una modalità inedita”. Si esprime così Mila Valsecchi, direttrice generale di Pearson Italia. Ad essere considerati, però, sono anche gli insegnanti, offrendo loro supporto. Un buon modo per comprendere il cambiamento di una società sempre più presenzialista ed istantanea, accogliendo così epocali progressi tecnologici di cui i giovani sono i veri protagonisti.

Dai uno sguardo al sito di Pearson Social Reading.

Leggi tutti gli articoli DeAretè.