Timelapse, Google Earth permette di muoversi nel tempo

Assieme al volo, la possibilità di poter viaggiare nel tempo è un desiderio che accende i sogni dell’umanità, spesso raccontati nella letteratura o nel cinema. Oltre la fantasia, la nuova tecnologia di Google Earth “Timelapse”, rende possibile un’esperienza interattiva in 4D grazie alla raccolta di oltre 24 milioni di immagini satellitari degli ultimi 37 anni. Sono servite più di due milioni di ore di lavoro informatico per mettere insieme 20 petabyte di materiale, in un singolo mosaico da 4,4 terapixel.

Il risultato di questa innovazione della galassia Google è la possibilità di poter vedere l’evoluzione, dal 1984 ad oggi, di diverse aree geografiche notevolmente trasformate dalla mano dell’uomo o riplasmate dal cambiamento climatico.

Esplorare questa funzione è molto semplice, basta entrare sulla piattaforma, cliccare sull’icona timone e selezionare “Timelapse in Google Earth” avendo cura di scegliere un luogo e, in pochi attimi, si ha la possibilità di compiere un viaggio nel passato più recente del nostro pianeta.

Per maggiori informazioni, leggi anche:

Leggi tutti gli articoli deAretè.

Vedi anche...

Fabrica Floridi Ep. 4

Ultimi Articoli

Trending Video

22:50

Fabrica Jedi Ep. 3 – Il lato oscuro della forza

Il lato oscuro della forza come insieme di sotto argomenti che compongono lo scenario della cybersecurity. Gli Jedi del Master di Comunicazione Digitale Università di Parma intervistano Marco RAMILLI, founder e Ceo di Yoroi.
00:07:24

Euro Digitale: ne parliamo con Alessandro Mauri di Banca Generali

L’Euro Digitale è un progetto in via sperimentale ma il suo ingresso sul mercato pare ormai prossimo, la decisione della BCE è attesa entro la fine dell’anno. Grazie all’aiuto di Alessandro Mauri - Area Manager Banca Generali - proveremo a capire che cos’è e come potrebbe rivoluzionare la vita di tutti i giorni.
00:02:20

BiroRobot

Può un robot analizzare i consumi energetici in tempo reale? Con l'IoT si. BiroRobot, un dispositivo di invenzione di Marco Santarelli, grazie alle nuove tecnologie è in grado di fare una stima energetica delle aree chiuse che lo circondano.